Jeff Bezos. Il nuovo uomo di business

Perché Jeff Bezos è il nuovo uomo di Business?

Lo dicono TV e giornali, è l’uomo più ricco del mondo

A volte ci si chiede come queste menti possano riuscire a diventare così grandi, geniali. Poi, se studi bene le loro strategie, ti rendi conto che Bezos è un uomo che sa che, se ogni giorni non pensa a come fare la differenza, ha sprecato un giorno.

E’ un provocatore: tempo fa ha detto che Amazon avrebbe fallito nell’arco di qualche anno e poi ha tirato fuori tante novità, come l’apertura di un negozio fisico.

La verità  è che ogni giorno lui pensa a differenziarsi, non pensa di non avere competitors, pensa a come non dare spazio a loro. E’ diverso. Chi vende su Amazon sa che il Core business di questo grande colosso è la soddisfazione del cliente. Ha creato un impero dando la possibilità a terzi di vendere e posizionarsi su questo mercato che ormai lascia poco spazio agli E-commerce tradizionali.

E ha anche delle Policy restrittive, non ha lasciato nulla al caso affinché la soddisfazione del cliente venga per prima, a volte facendo rimettere i suoi stessi venditori.

Allora veniamo a noi. Se Jeff Bezos ha costruito un impero, i suoi venditori contribuiscono con i loro prodotti ad alimentare l’impero e anche la soddisfazione del cliente, che ormai acquista solo su Amazon con le sue caratteristiche e i suoi vantaggi

Montemagno, ormai è il nostro ospite fisso, già dice bene in cinque tecniche come fare. Ma non è sufficiente.

Molti ci chiedono: ma alla fine basta seguire qualche tutorial ed è fatta.

Davvero credete sia così semplice? Ci siamo imbattuti in ragazzi con la merce ferma in dogana perché nei corsi veniva dato un pdf del Governo sulla marcatura CE. Per carità, i corsi on line, lo ribadiamo, offrono i contenuti, ma è necessario informarsi bene, o essere seguiti dopo.

Ci sono tante direttive sanitarie, test, fascicoli tecnici e non puoi importare ciò che vuoi. Tante sono le persone che si ritrovano con la merce confiscata in dogana e poi spendono tanti soldi per le certificazioni. E Amazon è sempre più attento e se vede che non ci sono le certificazioni, sapete quanti account vengono bloccati? A volte solo il prodotto, a volte tutto l’account! I rischi sono tantissimi e bisogna sapere tutto, ma DAVVERO tutto.

La scelta del prodotto poi? Quella è difficilissima, vedi i numeri alti su Jungle Scout ma poi sai quanti prodotti devi vendere al giorno per raggiungere quei risultati e posizionarti nelle prime pagine? Sai come va fatta la SEO? Sai che le foto sono importantissime? E poi, come ci insegna Jeff Bezos, sai essere competitivo differenziandoti? Perché il tuo prodotto non sale in prima pagina perché tu sei convinto sia bello o perché hai visto i numeri che fanno gli altri.

Il prodotto va in prima pagina e vende organicamente se tu fai i passi giusti.

Su questo vi abbiamo già fatto riflettere in un precedente post.

Ricapitolando:

  •  Studia il Business prima di lanciarti
  •  Affidati ad Esperti per la scelta del prodotto, perché poi occorre capire se lo puoi importare
  •  Affidati anche per le trattative con la fabbrica, chi già sa come trattare viene preso sul serio. Ormai i venditori di Alibaba (per citare il più quotato) nemmeno ti rispondono se non ti presenti con un logo aziendale e un sito web e i margini di trattativa sono bassi.
  •  Scegli bene il prodotto e ribadisco che non va chiesta alla Fabbrica la marcatura CE o le certificazioni. Non hanno alcun valore in Europa, le devi rifare, e sono tanti soldi.
  •  Fai delle foto professionali e lavora sulle parole chiavi nel tuo listing. Ricordati che il cliente cerca su Amazon per parola chiave e non viene a cercare il tuo brand, a meno che non sia già un suo cliente di fiducia.
  • Studia quante vendite organiche ti servono su quella nicchia di mercato e per quel prodotto prima di lanciarti. Ci sono applicativi che dicono tutto.
  • Studia l’algoritmo di Amazon, alla fine lui comanda per il tuo posizionamento.

Che altro dirvi? Jeff Bezos è diventato un colosso perché ha adottato la giusta strategia e ogni giorno lavora per differenziarsi. Il Business on line, lo ripeto, non è una rendita automatica, non subito per lo meno e non al 100%. E i  numeri da capogiro, chi ve li promette, è sicuro di quel che promette? Ad ogni margine alto corrisponde un alto investimento, non ci stancheremo mai di dirvelo, come in tutti i business.

Occorre studiare bene e sapere tutto, altrimenti l’errore conta. Si impara certamente, ma è sempre meglio evitare l’errore che comporti una perdita economica, ove si può.

Buon Business

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *