Vendere su Amazon. I passi Giusti da fare.

Oggi valutiamo cosa serve per vendere su Amazon e quali sono i passi giusti da fare per iniziare. Se sei un artigiano, vendere on line su Amazon non può che aumentare il tuo fatturato. Se hai un E-commerce, allora è un business necessario, a nostro parere. Se sei una persona che non ha un lavoro o  semplicemente vuole avere una rendita in più allora è sempre una valida soluzione. Vediamo quindi cosa è necessario sapere per aprirci a questo business.  

Amazon è il più grande colosso al mondo, che ormai porta trilioni di fatturato all’anno.

Vi lascio qui un video di Marco Montemagno, che spiega in brevi e chiari concetti la strategia di Amazon e come sta conquistando il mondo.

E veniamo a noi.  E’ vero, se decidiamo di aprire un negozio fisico e soprattutto, come noi, viviamo in un’isola, sarebbe una guerra tra poveri competere con chi sta sempre dietro la nuova tecnologia e fattura tanti soldi vendendo on line.

Attenzione! Vendere on line non vuol dire fare i soldi! Bisogna stare molto attenti a tutto ciò che si promette. A tal proposito, vi invito a leggere un nostro un precedente articolo  

Ormai Amazon non è solo un negozio on line, è diventato un vero e proprio motore di ricerca. Le persone quando cercano qualcosa, vanno sul telefonino, sul tablet o sul PC e selezionano direttamente Amazon.  La sua presenza sul mercato è ormai imbattibile e predominante. Occorre solo cogliere l’opportunità di sfruttare questo negozio on line che ti permette di avere visibilità e vendere. Puoi vendere di tutto, ciò che conta è come vendi, come ti promuovi. Come del resto per tutti i business. Certo, la qualità del prodotto conta perché competi con tanti venditori e Amazon pensa alla soddisfazione del cliente anche se vendi un porta-chiavi a forma di unicorno!

Cosa fare allora? Per vendere su Amazon serve conoscere bene:

  1. La sua politica aziendale
  2. Il suo store Seller Central
  3. Il sistema di fiscalità, ovvero il “reverse charge” (qui vi invito a sentire il vostro commercialista o potete farvi un’idea con questo video)
  4. Una buona pagina prodotto e la SEO di Amazon, che è fondamentale perché tu possa arrivare alle prime pagine ed essere visibile con quello che vendi.
  5. E’ necessario che sia visibile con parole chiavi efficaci, ovvero quelle che più digita il cliente quando cerca un prodotto come il tuo. E poi ovviamente delle foto accattivanti e che rispettino gli standard qualitativi di Amazon.

Per la SEO a voi il video di una grande esperto nel mercato Italiano e vi assicuro uno dei pochi:

Questo vale se sei già un libero professionista, o un artigiano che vuole vendere i suoi prodotti oppure se hai E-commerce e vuoi aumentare il fatturato sfruttando questo colosso del mercato mondiale.

Se invece sei una persona che parte da zero, allora è necessario un corso o comunque qualcuno che ti segua per:

  • La ricerca del prodotto
  • La trattativa col fornitore (solitamente Cina o negozi all’ingrosso).
  • Un occhio attento a cosa importi nel rispetto delle normative Europee in termini di marcatura CE e direttive sanitarie.
  • I costi di produzione, spedizione, dogana.
  • La scelta della tipologia di spedizione, che sia con IVA a tuo carico e non a carico dello spedizioniere (questo soprattutto per importazioni dalla Cina e/o Extra CE)

Per la scelta della spedizione vi rimando al sito ufficiale Incoterms che spiega i vari tipi di spedizione. Una volta che il tuo prodotto è arrivato a destinazione, solitamente dopo una accurata scelta e selezione,e  magari facendo arrivare un campione a casa per testarne la qualità, si inizia a vendere nello store on line. Da quel momento parte la una fase di lancio del prodotto con campagne pubblicitarie (web-marketing e social media marketing) e poi, dopo qualche recensione, una PPC (Pay per Click) che porti il tuo prodotto in prima pagina. Si vende? Assolutamente!

Ve lo dice chi vende e conosce questo business come noi. Ed ora veniamo anche a quelle che sono le verità assolute.

E’ vero che si fanno subito fatturati altissimi? No, devi avere almeno 4/5 prodotti on line, perché la media di acquisto per prodotto è di due al giorno (2 su 4/5 prodotti anche solo di 15/20 € l’uno fate voi i calcoli!). Ovviamente dovete tenere conto del 15% che Amazon prende sul prezzo pieno e dei costi di magazzino, quindi fate bene i conti prima di lanciarvi. NON fatevi prendere dalla fretta dei soldi subito perché nessuno li garantisce, o per lo meno i veri professionisti non lo fanno. Fate in modo che il vostro margine netto non sia inferiore ai 10 € per prodotto.

E’ vero che basta un piccolo investimento? La domanda è controversa. Bisogna capire cosa si intende per piccolo investimento. Sicuramente serve meno rispetto all’apertura di un negozio fisico, ma se hai già la P.IVA servono almeno 3000 € da investire in merce. Se hai già il negozio fisico e i prodotti da vendere,  devi solo imballare e spedire grosse quantità (almeno 300 pezzi) e l’investimento è inferiore. Se parti da zero e devi aprire anche la P.IVA consigliamo sempre 5000 € di partenza. Con costanza e dedizione si arriva al risultato. Tempi? Statisticamente dai quattro ai cinque mesi per avere una rendita buona. Ovviamente, più investi e più guadagni, come per tutte le cose del resto. Pensare di risparmiare in questo business come in tutti gli altri è una base di partenza errata e una strategia che non rende nel medio e lungo termine. Allora che fare? Credere ovviamente in quello che si fa. E poi investire in tempo, denaro e avere la massima costanza e dedizione. Mai mollare perché la paura di fallire è sempre dietro l’angolo, come l’errore, ma se segui i passi giusti, arrivi al giusto risultato.

Ricapitolando:

  • Se sei un artigiano con un negozio fisico, vendere su Amazon è un’opportunità per aumentare il fatturato con un piccolo investimento.
  • Se hai un E-commerce vendere su Amazon è la scelta per aumentare il fatturato.
  • Se sei disoccupato o vuoi aumentare la tua rendita e hai almeno tre ore di tempo al giorno da dedicare a questo Business il nostro consiglio è: agisci e cambia la tua vita creandoti o il tuo lavoro o una rendita in più.

In tutti questi casi c’è un’ univoca cosa che è importante che tu sappia e che ci conviva, se dovessi decidere di intraprendere questo percorso: se sei imprenditore migliorerai la tua capacità di stare al passo coi tempi e aumentare il fatturato; se inizi da zero, fallo con l’idea che sarai un imprenditore.

Perché per vendere su Amazon occorre essere impresa, che non vuole dire solo avere la P.IVA, vuol dire ragionare da imprenditore.

E del resto, come tutti i lavori on line, occorre fare sempre una attenta valutazione. Per questo vi riporto ad un nostro precedente articolo  dove scriviamo tutto quello che devi sapere sui falsi guru del lavoro on line, e dove c’è anche un richiamo ad un altro articolo scritto veramente bene sul lavoro  da casa

Intanto vi posto un articolo su un prodotto che vendiamo e che merita di essere visto, un’ ottima idea regalo e ringraziamo l’autore che ha parlato di noi nel suo blog:

BRACCIALETTO USB

e qualche altra idea simpatica per voi, se siete neo mamme o per chi vuole fare un regalo di natale semplice ma utile:

 

Commenti : 3

Giuseppe cavalieri

Ho letto con piacere ed è stato molto utile!
Sono già iscritto ad un corso, ma mi piace ascoltare tutti,
Solo così riesco a farne le mie valutazioni
Grazie
Beppe

Rispondi

    Ardeide

    Grazie Giuseppe,
    ci fa piacere che le sia stato utile. Siamo a disposizione per ogni necessità.
    Un buon anno e che sia di grande profitto!

    Rispondi

Jeff Bezos. Il nuovo uomo di business - Ardeide

[…] Il prodotto va in prima pagina e vende organicamente se tu fai i passi giusti. […]

Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *